World Zombie Day

Comincia col segnarti questa data: 8 ottobre. Si tratta del World Zombie Day, ovvero una giornata interamente dedicata al culto dei non-morti. Se non sopporti la vista del sangue e delle macabre sfilate, stai alla larga da città come Pittsburgh, dove la manifestazione venne ideata nel 2006, o Londra, uno dei centri nevralgici dell’evento.

“vietato trasformare le persone in zombie”

Gli zombie rappresentano un elemento fondamentale nella cultura e nel folclore di Haiti, situata nel mar dei Caraibi. La stessa etimologia della parola sarebbe riconducibile al creolo haitiano “zonbi”, legata all’antica pratica del vudù.

zombie

Il pittore Haitiano Wilson Bigaud raffigura la presunta pratica di trasformare gli uomini in zombie

Secondo una credenza popolare diffusa nel luogo, i potenti sacerdoti bokur sarebbero in grado di trasformare in zombie le persone, per poi renderli loro schiavi. Per contrastare questo presunto rito, il codice penale di Haiti ne vieta esplicitamente la pratica: esiste, infatti, una legge che considera un crimine trasformare qualcuno in uno zombie.

Il caso Narcisse

Esiste almeno un caso certificato che proverebbe l’efficacia del vudù nella trasformazione in zombie: è quello dell’haitiano Clairvius Narcisse, deceduto il 2 maggio 1962 in seguito a una violenta febbre. Nel 1980 sua sorella Angelina lo ritrovò in un mercato: l’uomo dichiarò di essere stato vittima della magia di un bokor per ben due anni.

Dopo la morte del sacerdote, l’uomo si sarebbe messo in ricerca della sua famiglia: furono almeno 200 le persone che testimoniarono la versione di Clairvius.

L’antropologo canadese Wade Davis decise di studiare la vicenda, che raccolse nel libro “Il serpente e l’arcobaleno”,  in cui lo studioso ipotizza che la morte di Narcisse fosse solo apparente, dovuta forse alla somministrazione di una droga da parte del bokor, probabilmente un veleno paralizzante simile a quello del pesce palla.

I LUOGHI PIù SICURI

Dove rifugiarsi in caso di un’Apocalisse zombie? Esistono almeno 10 nazioni che, in base a una serie di parametri quali densità di popolazione, caratteristiche geografiche e, soprattutto, armi a disposizione potrebbero sostenere meglio di altre una invasione di non-morti.

Qualche dritta per riconoscere uno zombie

Nello specifico, i paesi che garantirebbero maggiore sicurezza sono: 1) Australia; 2) Canada; 3) Stati Uniti d’America; 4) Russia; 5) Kazakisthan; 6) Bolivia; 7) Novegia; 8) Finlandia; 9) Argentina; 10) Svezia.

L’ESTATE è IL PERIODO PIù PERICOLOSO

Si dice che il caldo faciliti e velocizzi la trasformazione in zombie. Non ci credi? Ci pensa Midnight Factory a farti cambiare idea. Non hai che da scegliere: dal capolavoro “Zombi” del maestro George Romero, disponibile in una imperdibile versione restaurata,“Zombie Massacre Saga”, disponibile in formato DVD e Blu-Ray in un’imperdibile limited edition. Due acquisti imperdibile per capire al meglio l’anatomia dei non-morti.

zombi 4K